Il “viaggio” (1)

In passato ho fatto due viaggi di cui non ho parlato molto, non perchè non abbia amato quei luoghi anzi, le fotografie che vi mostro in questo post mi riportano ad una terra affascinante ma… è stata la modalità di viaggio che non mi ha entusiasmato, erano viaggi di gruppo “organizzati”, dei tour de force per vedere il più possibile in meno tempo possibile, cosa che tralascia il contatto umano di cui invece sento il bisogno.

Oggi, leggendo un saggio trovato per caso (link di riferimento al fondo della pagina) ho finalmente trovato chiara la motivazione. Provo a spiegarla usando le parole di Franco Cambi, professore ordinario di Pedagogia generale, ora in pensione.

___________________________

Il “viaggio” fa parte di un corredo biologico:  Partenza, Esplorazione, Incontro, Assimilazione, Rinnovamento.

Muta la mente del viaggiatore.

Alla base della cultura occidentale ci sono tre grandi modelli di viaggio, che ne hanno alimentato l’immaginario e hanno nutrito tutta una complessa visione, di cui è specchio la letteratura:

c’è il viaggio-prova della fiaba
c’è il viaggio eroico di Ulisse
c’è il viaggio espiazione della Bibbia

Certo i viaggi moderni sono viaggi che aprono, che rompono equilibri, che producono disordine benefico ma non sono più viaggi che confermano un’identità (il pellegrinaggio) o viaggi da vivere come colpa e destino (l’esodo) o viaggi come avventura e espiazione (il viaggio eroico).

Non c’è più lo spirito del viaggio, non c’è più lo spazio del viaggiare; non c’è più la tensione della scoperta. Il viaggio si rattrappisce a rito collettivo.

Il carattere del viaggio moderno , legato al suo valore/funzione formativo (di istruzione, di emancipazione, di distacco, di evasione) viene a impallidire fino a spegnersi per dar corpo a una serie di non-viaggi nei quali scompare la “cura di sé” come pure la “passione per l’altro”, contrassegni essenziali della “mente del viaggiatore”.

Il viaggio turistico di massa, con le sue agenzie, con i “pacchetti” pre-confezionati, ha chiuso, forse, l’epoca dei viaggi, per farci entrare in quella dell’uso dello spazio e del tempo con funzione di vacanza e di spostamento, di semplice sottrazione alla monotonia del quotidiano.

Solo attraverso un forte investimento soggettivo il viaggio “resiste”, almeno nella sua struttura. Fuori di questi circuiti di resistenza, il viaggio è “perduto”: nello spirito e nei luoghi.

Possiamo attuare una pedagogia del viaggio, studiando modalità, percorsi, atteggiamenti che accennino almeno, alla costruzione del “senso del viaggio”, elaborando la memoria del viaggiare e ritornando al viaggio come esperienza di formazione.

___________________________

dopo questo….vi lascio con una piccola galleria fotografica sul mio viaggio in Giappone dell’aprile 2017, periodo di ciliegi in fiore e di Hanami (花見 “guardare i fiori“), termine che si riferisce alla tradizionale usanza giapponese di godere della bellezza della fioritura primaverile degli alberi mentre si consuma un sostanzioso picnic all’ombra dei sakura in fiore.

❤ ॐ

31452

689

10111415712201921B21C

21A132116

Copyright © all rights reserved

 

LINK DI RIFERIMENTO:

Franco Cambi – Il viaggio come esperienza di formazione

http://www.fupress.net/index.php/sf/article/download/11112/10574

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...